Notizia
Lunedì 10 Luglio 2017

Pallavolo Antares, un volto nuovo per l'under18

Greta Scarparo, la signora in giallo...blu

Altro volto nuovo in casa-Antares: l’Under18 gialloblù dà infatti il benvenuto a GRETA SCARPARO, laterale di Noventa Vicentina la scorsa stagione in forza alle padovane dell’Ospedaletto Euganeo, in serie D.

Nata il 6 aprile 2000, Greta si trasferirà in estate da Agugliaro a Verona, dove frequenterà il quarto anno del liceo linguistico e giocherà con la squadra borgoromana allenata da Roberto Salpiani. Conosciamola meglio.

Benvenuta, Greta! Come hai conosciuto Antares?

“Da avversaria, naturalmente. Quest’anno eravamo nello stesso girone di serie D”.

E coach Salpiani?

“Da prima ancora. Ci ho giocato contro quando allenava a Barbarano. Difficilmente passa inosservato, ha un carattere forte e molto esigente, colpisce soprattutto per la forza con cui richiama e incita le sue atlete dalla panchina”.

Il primo approccio com’è avvenuto?

“Salpiani e i dirigenti Antares si sono mostrati interessati a me e hanno contattato il presidente di Noventa, Fabio Salvatore. Insieme alla squadra veronese ho giocato il Torneo di Pasqua e poi ho fatto gli allenamenti di giugno”.

Impressione?

“Ottima. Sono rimasta colpita dal livello tecnico di tutte le ragazze”.

Quali sono le tue caratteristiche?

“Il mio punto di forza è il braccio, devo migliorare in ricezione”.

Cosa ti aspetti da questa nuova avventura?

“Di crescere da ogni punto di vista, pallavolistico ma anche umano. Credo che per me questa sia davvero una grande occasione per migliorarmi”.

E da grande cosa vuoi fare?

“La detective!”


Fonte: Pallavolo Antares
Allegati

Nessun allegato presente.

Newsletter

Per registrarti al nostro servizio di newsletter inserisci qui il tuo indirizzo email.

Federazione Italiana Pallavolo - Comitato Provinciale Verona
c/o Stadio Bentegodi, Piazzale Olimpia, Cancello E/20 - 37138 Verona - Telefono: 045 580192 - Fax: 045 580325 - SMS Risultati: 335 7313093
© 2016-2017 - Tutti i diritti riservati
Sito realizzato da Marco Pernpruner